Vai al contenuto
Home » Resoconto seduta della Prima Commissione Consiliare Permanente

Resoconto seduta della Prima Commissione Consiliare Permanente

Timer durante il Consiglio Comunale, allontanamento dall’aula per chi non rispetta il regolamento, Patrocinio gratuito del Comune concesso dal Presidente del Consiglio e l’istituzione della figura del Cerimoniere per gli eventi Comunali. È quanto deciso dalla Prima Commissione Consiliare Permanente presieduta dalla Consigliera Gabriella Soglia riunitasi martedì scorso a cui hanno preso parte Laura De Nuzzo, Maria Venere Grasso, Fabiola Musarò, Federica Rizzello, Vincenzo Scorrano e il segretario generale nominato nei giorni scorsi, la dottoressa Zanelia Landolfo.

La Commissione ha deliberato che sarà il presidente del Consiglio Comunale a concedere il patrocinio gratuito, fino ad oggi compito della Giunta Comunale, per tutte le iniziative, manifestazioni ed eventi che si svolgono sul territorio comunale e che abbiano portata nazionale o internazionale, con lo scopo di attivare ogni forma di collaborazione e coordinamento tra i Consigli Comunali, di promuovere e valorizzare il ruolo e la rappresentatività delle istituzioni.

Al fine di verificare il rispetto della tempistica degli interventi durante il Consiglio Comunale, il presidente del Consiglio potrà avvalersi di un timer digitale per controllare che non si superino i minuti concessi.

Aggiornato il regolamento sul Comportamento dei Consiglieri Comunali. Nella discussione degli argomenti in Consiglio, i Consiglieri Comunali hanno il più ampio diritto di esprimere apprezzamenti, critiche, rilievi e censure, ma essi devono riguardare atteggiamenti, opinioni o comportamenti politico-amministrativi, escludendo qualsiasi riferimento alla vita privata e alle qualità personali di alcuno. Se un consigliere turba l’ordine o pronuncia parole sconvenienti, il Sindaco o il Presidente del Consiglio Comunale possono richiamarlo, e se il Consigliere persiste senza tenere conto delle osservazioni rivolte, il Sindaco o il Presidente del Consiglio Comunale possono interrompere la parola. Se il Consigliere cui è stata interdetta la parola persiste ulteriormente nel suo atteggiamento oppure ricorrere ad ingiurie contro il Presidente, il Sindaco, gli Assessori o altri Consiglieri o offende il prestigio delle pubbliche istituzioni, il Sindaco o il Presidente del Consiglio Comunale possono sospendere temporaneamente la seduta e ordinare l’allontanamento del Consigliere dall’aula.

Su questo punto la Consigliera Laura De Nuzzo ha precisato: “non vorrei fosse una censura, un bavaglio ai consiglieri, soprattutto di minoranza”. Parole che hanno trovato l’appoggio della Consigliera Fabiola Musarò che ha affermato: “nel Consiglio Comunale le uniche obbiezioni e osservazioni vengono sempre e solo dalla minoranza”. La presidente del Consiglio Comunale, Maria Venere Grasso, ha risposto: “non faccio distinzioni, chi fa il giurista sa benissimo che le modifiche non sono personalizzate. Questa decisione è frutto di un regolamento abbastanza datato e andava aggiornato e ingrandito”.

Grasso ha poi aggiunto: In questa legislatura mi sto rendendo conto – rivolgendosi all’opposizione – che avete un garbo senza precedenti: sto vedendo mozioni, interpellanze, interrogazioni, interventi mirati e fatti con cognizione di causa. Ma noi stiamo lavorando per i nostri posteri mettendo mano a delle piccole lacune. In futuro potrebbero non esserci Consiglieri che hanno il vostro stesso garbo, la vostra stessa competenza e il vostro stesso rispetto. Non ci dimentichiamo che in passato, qualche Consigliere Comunale, alla ex Presidente del Consiglio Comunale disse: «statte citta tie ca te tiru lu microfunu a n’capu»”.

Dalla Prima Commissione è emersa la necessità di prevedere nel regolamento la figura del Cerimoniere per gli eventi, ruolo che alcuni funzionari comunali svolgono fuori dall’orario di lavoro.

Prima di sciogliere la seduta, si è passati alla votazione:

De Nuzzo ha espresso voto contrario all’introduzione dell’art. 38 bis, “Comportamento dei Consiglieri Comunali”, approvando gli altri punti;

Musarò ha espresso voto contrario su tutti i punti;

Soglia, Grasso, Rizzello e Scorrano hanno espresso voto favorevole su tutti i punti.

Seguici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.