Vai al contenuto
Home » Sostituite le lampadine alle catenarie del centro. Non è l’unica novità

Sostituite le lampadine alle catenarie del centro. Non è l’unica novità

È in corso la sostituzione totale dei corpi luminosi delle catenarie affisse circa un anno fa ad Ugento e Gemini. Sono state già sostituite quelle di via Cavour, via Minturno, via Salentina, via Santa Lucia, via Santi Medici, via Vico Nuovo, via Vico Lungo Corso Garibaldi. Si passerà nei prossimi giorni a completare via Roma per poi sostituire le lampadine alle catenarie installate nella frazione di Gemini.

Via Minturno

Si tratta di lampade differenti rispetto a quelle precedenti, sono in stile vintage e a luce calda, sempre a led. Si tratta di lampade abbinate all’illuminazione da centro storico eseguita attraverso l’attività di retrofitting e di relamping sulle classiche mensole storiche.

Questo intervento – ci spiega l’Assessore ai Lavori pubblici, Alessio Meli – fa parte di un più ampio progetto denominato DUC (Distretto Urbano del Commercio) che, oltre a questa iniziativa, prevede la riqualificazione dei poli commerciali del Mercato coperto di Ugento e Gemini, strutture che passeranno a trasformarsi da sedi di mercato a sale polivalenti per eventi e concerti.

I lavori di riqualificazione della sede del mercato coperto di Ugento, situato in via Marchesi di Ugento, prevedono la trasformazione dell’ala centrale in una sala polivalente dove far svolgere attività sociali, manifestazioni, piccoli eventi, mini concerti e convegni. Oltre alla ristrutturazione edile, verranno sistemati i box funzionali ad ospitare sia i concessionari attuali sia quelli che si aggiungeranno in futuro. L’Amministrazione comunale sta, infatti, lavorando per incentivare l’apertura di nuove imprese per occupare i box rimasti ancora vuoti facendo emergere attività che facciano esaltare la qualità enogastronomica e l’artigianato del nostro territorio, il prodotto a chilometro zero, ma verrà data la possibilità ai commercianti di affiancare alla pescheria il servizio di friggitoria, alla macelleria quello di braceria, i fruttivendoli potrebbero reinventarsi somministrando anche yogurt e cocktail a base di frutta.

Attività che promuovono il prodotto locale, facilitate in un processo di merchandising, da un nuovo contesto attrezzato per la promozione turistica e sociale della nostra Città: arredi e acustica quali parti integranti del progetto, finalizzati a consentire, ai soggetti gestori delle attività in loco, di autogestire ogni forma di attrazione e di richiamo dell’ utenza cittadina oltre che turistica“, afferma l’Assessore ai Lavoripubblici, Alessio Meli. “Nuovi spazi per il baby parking ed infine questo percorso caratterizzato, appunto, dalle catenarie, che partendo dalle sedi degli attuali mercati coperti, si dirama per le stradine e i vicoletti del centro storico, come fosse il “Filo di Arianna”, che veicola il turista in un itinerario alla scoperta del nostro patrimonio storico, architettonico, culturale e folkloristico. Non una semplice ristrutturazione dei plessi dei mercati coperti, quindi, ma un azione concreta mirata ad incentivare nuove prospettive orientate al “fare sistema” e a promuovere una nuova concezione di sviluppo turistico, commerciale e sociale del nostro territorio.”

Seguici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *